MANUELA CRICELLI

La formazione e le preferenze musicali di Manuela Cricelli hanno orientato il suo percorso artistico verso la ricerca nel campo della musica popolare e, più specificamente, verso il recupero degli esempi lasciati, negli anni Sessanta e Settanta, dai protagonisti di quello che allora veniva chiamato “folk revival”. Di qui lo spettacolo sul cantante foggiano Matteo Salvatore, realizzato nel 2005 con Eugenio Bennato, la partecipazione a Cantu di passioni, con Nino Racco, ma anche il coinvolgimento nell’Orchestra Pop Calabrese di Simone Cristicchi e il récital a progetto sulla Storia della Canzone Italiana. Lo spettacolo su Rosa Balistreri, L’ultima cantastorie, ha debuttato nel 2013.
Segnalata dalla rivista “Musica Jazz” come una delle voci più importanti del panorama italiano, Manuela Cricelli ha vinto nel 2014 il Premio Cinematografico Palena per il videoclip Suli d’Agustu, con la regia di Alberto Gatto, e nel 2015 il Premio della Critica Mia Martini nella categoria “etno song”, nell’ambito del Premio Mia Martini.